Month: July 2013

Ninfea canicolare

La mia ninfea  (Nymphaea Pygmaea Helvola, l’unica che “c’entra”) ama i climi torridi. Si potrebbe dire che tanto è nell’acqua: in realtà anche l’acqua raggiunge temperature ragguardevoli – secondo me sopra i 30°): eppure fa fiori a ripetizione!

E’ così bella, strappa sempre una foto, anche se è sempre la stessa, ormai dal 2009  🙂

ninfea 2013

Secondo me la concimazione bestiale come scrivono molti non serve, io ho solo terra argillosa e fa fiori a manetta la mia birba.

La foto è un po’ sovresposta, lo so. Ma da l’idea del sole diabolico che splende oggi…

PS: la Ninfea pigmea haevola è un ibrido creato in circostanze misteriose da Latour-Marliac http://www.victoria-adventure.org/water_gardening/history/latour-marliac/the_garden_1899.html

Advertisements

Un argomento scottante – le zanzare

La persecuzione delle aree umide almeno a parole parte con un argomento comune: portano zanzare. Marx direbbe banalizzando che dietro a queste motivazioni ce ne sono altre, sempre di tipo economico: le aree umide sono improduttive.

Poi è anche vero che un tempo esisteva la malaria, la credenza sui miasmi, ma ormai non può essere nella memoria singola o collettiva.

La mia esperienza è che nelle mie vasche le zanzare si sono presentate una volta sola. In quella con presente l’utricularia, posso pensare che sia quest’ultima a mangiare le larve, ammesso che almeno all’inizio dello stadio larvale siano piccole abbastanza per essere predate dall’utricularia. Le altre volte sono morte prima di diventare zanzare, forse predate da qualche animale? In sintesi molti stagni al posto di generare zanzare le controllano.

Interessante notare che per il controllo delle zanzare risultano due metodi all’apparenza naturali:

https://it.wikipedia.org/wiki/Toxorhynchites (ma sarà esotica?)

oppure

http://en.wikipedia.org/wiki/Bacillus_thuringiensis_israelensis (farà male agli altri animali?)

Mondo all’incontrario

Nella mia amabile pozza di relativismo, posso persino evitare di criticare tante cose. Per esempio trovare un mondo acquatico all’incontrario che ritiene le piante acquatiche siano infestanti (del riso).

Ente Risi

La mia preferita è la Alisma Lanceolatum,col suo colore violetto pallido. Poi c’è il butomus umbellatus, Poligonum lapathifolium, Sagittaria sagittifolia, Sparganium erectum, Litrum salicaria.

Tutte che si vedono ad Assago a margine delle risaie.

Cave di Noale

Va be, recensire un posto in cui non si è mai stati lo lascio fare ad altri. Quello che invece suggerisco è la pubblicazione:
Image

che descrive con belle foto la riqualificazione e le principali piante presenti.

lo potete scaricare da qui:

http://politicheambientali.provincia.venezia.it/sites/default/files/libretto_cave_noale.pdf

  • L’Oasi Cave di Noale
  • La bellezza della natura a due passi da casa
  • Edizione e stampa: Grafiche Biesse, Ottobre 2011
  • ISBN: 978-88-89105-31-3