millefoglio d’acqua

Idroscalo 

Myriophillum spicatum sulle rive.

Si dice che il lago sia “soffocato” dal Potamogeton pusillus. Dicono che è causata dall’eccessiva trasparenza dell’acqua (?). Dicono che è male perché tiene lontani bagnanti, canottieri, ecc.

C’è qualcosa invece che non torna. Ma lo stile utilitaristico è sempre lo stesso. Il verde, l’utilità.

Advertisements

Martesana martesana

Il naviglio martesana a Milano è ovviamente un’area umida. Vorrei lo fosse di più, nel senso che non è in uno stato di grande naturalità: gli argini di cemento (almeno da un lato), la spazzatura che spesso di vede all’interno, le periodiche secche, gli sfalci, l’acqua a volte dai colori grigi o verdi, non sono il massimo. Ma guardiamo gli aspetti positivi: c’è un tratto, stranamente quello più vicino al centro città, che ha una maggiore presenza di flora e fauna acquatica:

Image

Ho anche individuato un tratto che con un coraggioso atto di guerrilla gardening potrebbe ospitare molte piante acquatiche ripariali! (fino al prossimo sfalcio, o “pulitura” come la chiama qualcuno). vedremo.

Questo tratto è molto popolato dal Myriophillum spicatum (Millefoglio d’acqua) che tappezza letteramente alcune aree formando tra l’altro comode zattere per gallinelle d’acqua e anatre e sotto rifugio per i pesci (tormentati dai pescatori).Image

Sulle sponde c’è un tratto in corrispondenza dei due ponti della ferrovia che presenta qualche pianta interessante:

Iris pseudacorus

Image

Persicaria spp (almeno credo), poligonacee

Image

La cosa più interessante è che ho visto i fiori, le spighette del millefoglio da cui deriva il nome scientifico:

Image

propagazione per frammentazione: ecco esempio

martesana frammentazione

Bidens Frondosa:

bidens frondosa

Altre specie viste (o intraviste, che difficile fare le foto a piante sotto la superficie dell’acqua):

  • Vallisneria
  • Zannichella (oppure Potamogeton pectinatus, o tutt’e due)
  • Arundo donax